Sunday, 30 September 2012

La poesia di Karol Wojtyla

La poesia di Karol Wojtyla


San Stanislao


Verso il trenta quatresimo anniversario dalla sua elezione al Servizio Petrino

1 ottobre 2012

Pensieri sul Beato Papa Giovanni Paolo II "Il Grande"

La poesia di Karol Wojtyla

Stanislaw: Una poesia lunga cinque cartelle!


Qui si trova la poesia scritta dal Cardinale Wojtyla  intitolata ‘Stanislaw’. Probabilmente Karol Wojtyla ha scritto questa poesia nel Collegio Polacco, a Piazza Remuria, Roma. Forse questa poesia era scritta  direttamente prima del conclave dell'Ottobre 1978.


Al momento dell'elezione Wojtyła avrebbe voluto assumere il nome di Stanislao I in onore del santo patrono della Polonia. Tuttavia, poiché i cardinali gli fecero notare che era un nome che non rientrava nella tradizione romana, Wojtyła scelse Giovanni Paolo II], in ricordo del predecessore per tener viva la sua memoria.


Dopo la sua elezione al Servizio Petrino c’e’ chi dice che il Cardinale Karol Jozef Wojtyla aveva pensato di assumere il nome di Stanislaw… E'vero? (Domanda di Frank Zammit)


S.E.R. Il Signor Cardinale Zenon Grocholewski

"Sí….può darsi. Egli era affascinato da questo santo…San Stanislao era il vescovo di Cracovia, ucciso dal re,,….ucciso dal re durante la celebrazione della santa messa. È perciò un bellissimo personaggio". S.E.R. Il Signor Cardinale Zenon Grocholewski -26.02.2011

 
Thoughts on the Blessed Pope John Paul II 'The Great'

The Poem of Karol Wojtyla

Stanislaw: A poem five sheets long

 
Here is the poem written by Cardinal Wojtyla entitled 'Stanislaw'. Probably the Archbishop of Cracow had written this poem at the Collegium Pontificium Polonorum, known better as the Polish College where he was hosted days before the October 1978 conclave.


At the time of his election to the Petrine Service Cardinal Karol Wojtyla wanted to assume the name of Stanislaw I in honour of the Patron Saint of Poland. However his Brothers Cardinals noted him that the name did not fit in the Roman tradition.

Afterwards, Wojtyla took the name of John Paul II, in remembrance of his predecessor to keep alive his memory.

After his election to the Petrine Service there are those who say that Cardinal Wojtyla was tempted to assume the name of Stanislaw I. Is this true? (Question by Frank Zammit)


The Most Reverend Lord Cardinal Zenon Grocholewski

"Yes..it may have been so. He was inspired by this saint. St Stanislaw was Bishop of Cracow and killed by the king… killed while saying mass, a truly inspiring figure ". The Most Reverend Lord Cardinal Zenon Grocholewski 26.02.2011



Ħsibijiet dwar il-Beatu Papa Ġwanni Pawlu II "Il-Kbir"

Il-Poeżija ta' Karol Wojtyla

Kien probabli li  fuq din l-iskrivanija li l-Kardinal Wojtyla kiteb l-poezija 'Stanislaw'.

 Aktar il-fuq wieħed jista jara l-poeżija 'Stanislaw' miktuba mil-Kardinal Karol Wojtyla jiem qabel il-konklavi t'Ottubru 1978 waqt li kien ospitat fil-'Kullegg Pollakk', f'Ruma.

Jingħad li hekk kif kien elett Papa, l-Kardinal Wojtyla wera x-xewqa li jieħu l-isem ta' Stanislaw I 'ad unur' il-qaddis patrun tal-Polonja. Madankollu ħutu l-kardinali innutawlu li dak l-isem ma kienx tradizzjonalment msemmi bħala isem meħud mil-Papiet preċedenti. Għalhekk hu kien ħa l-isem ta' Ġwanni Pawlu II sabiex izomm ħaj l-isem tal-predeċessur tiegħu.

Hemm min jigħd li hekk kif kien elett Papa, l-Kardinal Wojtyla xtaq jieħu l-isem ta' Stanislaw I. Kemm hu veru dan? – Mistoqsija ta' Frank Zammit

 L-E.R.T. Il-Kardinal Zenon Grocholewski

"Iva … seta’ kien il-fatt. Hu kien imsaħħar minn dan il-qaddis … San Stanislaw kien Isqof ta' Krakovja, kien maqtul mir-re, … maqtul mir-re waqt li kien qed jiċċelebra l-quddiesa. Għalhekk persunaġġ sabiħ ħafna".L-E.R.T. Il-Kardinal Zenon Grocholewski 26.02.011















Saturday, 29 September 2012

La santita' di Giovanni Paolo II e' innegabile!

La santita' di Giovanni Paolo II e' innegabile!


Verso il trenta quatresimo anniversario dalla sua elezione al Servizio Petrino

30 settembre 2012

Pensieri sul Beato Papa Giovanni Paolo II "Il Grande"

S.E.R. L'Arcivescovo Msgr Tommaso Caputo - Nunzio Apostolico a Malta



S.E.R. L'Arcivescovo Msgr Tommaso Caputo

Un giorno ho vissuto un momento speciale. Ho potuto essere testimone come la sofferenza per il Papa diventasse occasione di profonda preghiera. La circostanza arrivò inattesa. Era l’ora della Santa Messa. Il Santo Padre era a letto e il suo letto veniva trasferito nella cappellina adiacente la sua camera. In quelle condizioni era solito presiedere la Santa Messa il Segretario personale del Papa, Mons. Stanislaw Dziwisz. Ma quel giorno Mons. Dziwisz non poteva presiedere: si era infortunato ed aveva il braccio fasciato. Così mi fu chiesto di presiedere la Santa Messa, mentre il Santo Padre concelebrava dal letto. La profonda ed intensa partecipazione del Papa a quella Santa Messa, mi lasciarono nell’animo l’impressione che mi trovavo in presenza di un mistico, di un santo."




Thoughts on the Blessed Pope John Paul II 'The Great'

The Holiness of Pope John Paul II is Undeniable!


The Blessed John Paul II in Gemelli Hospital, Rome



H.R.E. Archbishop Msgr. Tommaso Caputo

 ‘Infact, I have a special experience of Pope John Paul II in his suffering. I could witness from close quarters the physical suffering of the Pope. There was an occasion which came about unexpectedly.  His Personal Secretary Bishop Stanislaw Dsiwisz, Cardinal Stanislaw Dsiwisz had broken his hand so I was asked to celebrate Mass in the Pope’s room in the Gemelli Hospital. Was something special, in fact on that occasion I presided at the Eucharist while the Pope was in bed. I will never forget the experience how John Paul II concelebrated the Mass and how intense His prayer was....Yes I felt I am in the presence of a Saint..........’  H.R.E. Archbishop Msgr. Tommaso Caputo - 4.3.2011






Ħsibijiet dwar il-Beatu Papa Ġwanni Pawlu II "Il-Kbir"

Ġwanni Pawlu II: Qdusitu hi nnegabbli!

Il-Beatu Papa Gwanni Pawlu II "Il-Kbir"

L-E.R.T. L-Arcisqof Mons. Tommaso Caputo

 “Infatti, jien esperjenzajt mil-qrib is-sofferenza ta’ Ġwanni Pawlu II. It-tbatijiet tiegħu rajthom mil-viċin. Kien hemm okkażjoni li ġiet fuqi f’ħin bla waqt! Is-Segretarju Personali tiegħu, l-Isqof  Stanislaw Dsiwisz, il-Kardinal Dsiwisz kien kiser idu. Għalhekk jien kont ġejt mitlub sabiex niċċelebra l-quddiesa fil-kamra privata tal-Papa fl-isptar Gemelli, f’Ruma. Kienet xi ħaga speċjali, ifatti f’dik l-okkażjoni jien ippresedejt l-Ewkaristija fil-ħin li l-Papa kien jinsab f’soddtu. Qatt ma nista ninsa dik l-esperjenza kif il-Papa kkonċelebra l-quddiesa u kemm kien intensiv it-talb tiegħu. Iva ħassejtni fil-prezenza ta’ qaddis”. L-E.R.T. L-Arcisqof Mons. Tommaso Caputo 

Giovanni Paolo II e la Sua Morte


Verso il trenta quatresimo anniversario dalla sua elezione al Servizio Petrino

3 Ottobre 2012

Pensieri sul Beato Papa Giovanni Paolo II "Il Grande" 

Giovanni Paolo II e la Sua Morte


Il Beato Giovanni Paolo II

S.E.R. Il Signor Cardinale Stanislaw Dsiwisz



‘Io dico che ha dato grande dignità con la sua morte. Diceva che la morte è solo un passaggio per la vita eterna. Era conscio di passare da una vita all’altra. Il Papa fu aiutato dai giovani e dalla folla che pregava per lui in Piazza San Pietro che era colma di gente.’ S.E.R. Il Signor Cardinale Stanislaw Dsiwisz 7.09.2011


Thoughts on the Blessed Pope John Paul II 'The Great'

John Paul II and his death.

The Blessed John Paul II

The Most Reverend Lord Cardinal Stanislaw Dsiwisz


‘But I say that he gave great dignity to death. He used to say that death was just a passage to eternal life. He was so aware of those passing from one life to the next. The Pope was assisted by the young people and the crowd which prayed for him filling St Peter's Square.’ The Most Reverend Lord Cardinal Stanislaw Dsiwisz 7.9.2011


Ħsibijiet dwar il-Beatu Papa Ġwanni Pawlu II "Il-Kbir"

Ġwanni Pawlu II u l-mewt tiegħu

Il-Papa Ġwanni Pawlu II

L-E.R.T. Il-Kardinal Stanislaw Dsiwisz



"Imma jien nigħd li ta dinjita kbira lil-mewt. Hu kien jigħd li l-mewt hi biss passaġġ għall-ħajja eterna. Kien hekk kuxjenti ta dak li jagħddi minn ħajja għall-oħra. Il-Papa kien megħjjun miż-żgħażagħ u mil-folla li kienet qed titlob għalih fi Pjazza San Pietru li kienet mimlija." L-E.R.T. Il-Kardinal Stanislaw Dsiwisz  7.9.2011

Frank Zammit mal-E.R.T. Il-Kardinal Stanislaw Dsiwisz















Friday, 28 September 2012

La storia del cardinalato ed il ruolo del cardinale nella Chiesa di oggi.

29 settembre 2012

La storia del cardinalato ed il ruolo del cardinale nella Chiesa di oggi.

"usque ad effusionem sanguinis "


"Gens et regnum quod non servierit tibi peribit"


Sua Eminenza Reverendissima
Il Signore Cardinale Tarcisio Bertone, S.D.B.
Cardinale Vescovo della Chiesa Suburbicaria di Frascati
Segretario di Stato
Camerlengo di Santa Romana Chiesa


Frank Zammit con S.E.R. Il Signor Cardinale Tarcisio Bertone, S.D.B.


“Un Cardinale nella chiesa  e’ uno dei primi collaboratori del Papa, uno di coloro che costituiscono come vieni definito storicamente  il Senato del Papa. La creazione dei cardinali risale all’inizio del secondo millenio. Piu o meno intorno al mille cinquanta, mille cinquanta nove. Da allora il gruppo dei cardinali, il senato dei cardinali e’ stato costituito sopratutto con il compito della elezione del Sommo Pontefice, del Successore di Pietro e poi con il compito di collaborare per le cause di maggiore importanza perche gli affari di maggiore responsabilita con il Santo Padre nel governo non solo della Chiesa Romana ma della Chiesa Universale. Il Collegio Cardinalizio e’ ormai sparso in tutto il mondo e composto da illustri personalita cattoliche ed ecclesiastiche appartenenti ai diversi paesi del mondo.” (Intervista concessa da S.E.R. Il Signor Cardinale Tarcisio Bertone, S.D.B. a Frank Zammit 24.01.2012)

Saraivastemma.jpg



Sua Eminenza Reverendissima
Il Signor Cardinale Jose' Saraiva Martins, C.M.F.
Cardinale Vescovo della Chiesa Suburbicaria di Palestrina
Prefetto Emerito della Congregazione delle Cause dei Santi



Jose' Saraiva Martins', C.M.F. e' nato a Gagos do Jarmelo, il 6 gennaio 1932, e' un cardinale e arcivescovo portoghese, religioso dei Missionari Figli del Cuore Immaculato di Maria

L'intervista - 29.09.2011

Che cosa e’ un cardinale ?

Il cardinalato è la dignità ecclesiastica più alta che segue immediatamente quella del Santo Padre, il Sommo Pontefice. I Cardinali sono i consiglieri più vicini al Papa nel governo della Chiesa Universale. Il compito fondamentale dei Cardinali del Collegio Cardinalizio è  quello di eleggere il Successore di Pietro o di essere eletti, perche tutti i Cardinali anche quelli che non partecipano al conclave per eleggere il Successore di Pietro possono essere eletti.


Da dove deriva questa parola?


La parola "cardinale" è una parola di origine “medievale” che deriva dal latino ‘cardo’, ‘cardonis’ che significa perno, centro, punto di riferimento. Questa parola in un primo tempo si riferiva ai presbiteri iscritti,  incardinati in una chiesa episcopale che era il perno della diocesi. Dopo, con l’andare del tempo, questa parola "cardinale" è stata  riferita al clero, ai presbiteri di Roma che era il centro, il perno, non della diocesi ma della Chiesa Universale. La parola “cardinale” quindi deriva dal latino ‘cardo’ quindi perno, centro………. 

San Silvestro I

A quando risale il cardinalato?


Il cardinalato come  istituzione ecclesiastica risale al secolo quarto. Lo troviamo già come  istituzione sotto il Pontificato di Silvestro I che é stato successore di Pietro tra il 315 e il 336. Certamente risale al secolo quarto l’istituzione del cardinalato come collegio cardinalizio. Questo vuol dire che allora il Papa si serviva del consiglio dei preti di Roma nel governo della Chiesa Universale. Questo è molto importante.


Come funziona il Sacro Collegio dei Cardinali?


Il Sacro Collegio dei Cardinali, come i collegi prelatizi, funziona con regole proprie, concrete, molto precise, alcune risalenti a tempi antichi, ai secoli passati. La Chiesa nel secolo scorso ha voluto adattare queste regole ai nostri tempi stabilendo alcuni cambiamenti estremamente importanti.


La Sede Suburbicaria di Albano

Che ruolo hanno i tre ordini del cardinalato? Che cosa sono i sedi suburbicari?


I tre ordini del cardinalato riflettono i tre gradi dei ministeri, cioè il sacramento dell’ordine : diaconato, presbiterato, episcopato. Il sacramento dell’ordine istituito da Cristo. Essi riflettono quindi i tre gradi del sacramento dell’ordine voluto e istituito da Cristo.

Questo vuol dire che i Cardinali vescovi rappresentano idealmente tutti i Vescovi del mondo, i Cardinali presbiteri rappresentano tutti i presbiteri del mondo e i Cardinali diaconi, la terza categoria, rappresenta tutti i diaconi del mondo. Il significato é molto chiaro.


 

La Predicazione di San Pietro

Per quanto riguarda le Chiese Suburbicarie il discorso sarebbe molto lungo, cerco di essere il più sintetico possibile. Le Chiese Suburbicarie sono le sette chiese attorno a Roma, non a Roma ma nei dintorni di Roma… Le sette chiese che sono nate da altrettanti gruppi di cristiani formatisi a loro volta seguendo la predicazione di San Pietro. Quando Pietro venne a Roma non venne direttamente nella Città Eterna…non conosceva nessuno. Rimase nei dintorni di Roma e da là  annunciò il Vangelo, così tra i suoi seguaci sorsero quei sette gruppi di cristiani che hanno dato origine alle sette Chiese Suburbicarie.

Quando il Papa promuove un Cardinale diacono, presbitero a Cardinale Vescovo gli affida una di queste Chiese Suburbicarie, che sono Chiese di grandissimo prestigio, praticamente e realmente fondate da Pietro. Il Papa affida ai Cardinali promossi alla categoria di Vescovi, la prima categoria, non una Chiesa a Roma come agli altri cardinali, ma una di queste sette Chiese.

Naturalmente nessun Vescovo, nessun ecclesiastico, può essere promosso direttamente a Cardinale Vescovo. Il Papa, quando nomina un Cardinale, nomina Cardinali diaconi e Cardinali presbiteri, mai Cardinali vescovi direttamente. Il privilegio di promuovere un Cardinale a Cardinale vescovo dipende unicamente ed esclusivamente dal Papa e non deve passare dal concistoro.

Generalmente sono nominati Cardinali Vescovi quei Cardinali diaconi o presbiteri che sono Cardinali da molti anni. Il principio è quello.  Ci sono peró anche casi di Cardinali Vescovi nominati dopo essere stati Cardinali per pochi anni. Potrei citare il mio caso. Io ero Cardinale da sette anni e il Papa mi ha promosso Cardinale Vescovo.

I Cardinali Vescovi formano il Consiglio privato del Papa. Questo gruppo di Cardinali è stato chiamato "collaterales pontificis". Costituisce quel gruppo di Cardinali che, quando il Papa era malato o non poteva governare, governava la Chiesa Universale, ma non tutti insieme,   uno al giorno. Era una cosa molto saggia no? 

Il Sommo Pontefice Paolo VI: In forma di Motu Proprio Ingravescentem Aetatem del 21 novembre 1970, Paolo VI ha abolito il diritto ai cardinali di entrare in conclave con il compimento dell'ottantesimo anno di eta.



Potete rivelarci importanti sviluppi nella storia del cardinalato fin dall’inizio ad oggi ?


Per quanto riguarda le funzioni principali del Collegio Cardinalizio non ci sono stati molti cambiamenti lungo la storia. Assolutamente no. Il grande cambiamento è avvenuto nel secolo scorso, quando è stato introdotto il principio secondo cui i cardinali che hanno raggiunto gli ottanta’anni non possono partecipare al Conclave e quindi non possono eleggere il nuovo Papa, il nuovo Pontefice. Essi rimangano membri "pleno jure" del Collegio Cardinalizio,  possono assistere alle congregazioni generali durante la sede vacante. Come lei sa prima del conclave c’e’ una settimana pre-conclave a cui partecipano tutti i Cardinali del mondo per studiare i problemi della Chiesa di oggi. Tutti, anche gli ultra-ottantenni possono partecipare e partecipano a questa riunione, ma non al Conclave vero e proprio. Naturalmente questo è stato un cambiamento abbastanza importante, ma non dimentichiamo che è stato un cambiamento di diritto positivo, ecclesiastico. Il Papa volendo può cambiare questo principio. 

Sisto V, nato Felice Peretti di Montalto fu il 227 Papa della Chiesa Cattolica.Con la costituzione 'Immensa Aeterni Dei del 22 gennaio 1588 limito' il Collegio dei Cardinali a settanta.


Come si è evoluto il numero dei membri del Sacro Collegio nel corso dei secoli ?


Nel medioevo c’erano grandi variazioni. Non c’era un numero fisso Alla fine del millecinquecento con Sisto V è stato stabilito che i Cardinali non oltrepassassero il numero di settanta. Settanta Cardinali. Alla fine del millecinquecento pero la quota è stata aumentata. Come sappiamo, Giovanni Paolo II ha oltre passato il numero di settanta Cardinali. Oggi i cardinali sono circa duecento.


Eminenza, si puo spiegare circa tutti i dettagli dal decreto che il candidato all’ elevazione  ricevera dal Papa fino al rito del concistorio ?



21 febbraio 2001: La creazione cardinalizia di S.E.R. Il Sig. Card Jose' Saraiva Martins, C.M.F. L'abbraccio della pace tra il Sommo Pontefice Giovanni Paolo II ed il neo Cardinale Jose' Saraiva Martins, C.M.F.



Prima di tutto c'è l’annuncio ufficiale che il Papa ha deciso di promuovere alla dignità cardinalizia un candidato. Poi segue l'ordinazione episcopale dei candidati che il Papa promuoverà al cardinalato, se non sono già Vescovi. Questo è il principio generale. Ci sono però anche alcuni Cardinali che non sono Vescovi. In casi eccezionali, per esempio in età avanzata, per un ottantenne, o un novantenne, può non avvenire l'ordinazione a Vescovo. Nell'ultimo concistoro c’erano due Cardinali nuovi che non erano Vescovi.

Successivamente avviene la nomina dei Cardinali in un concistoro, nel primo concistoro dopo l’annuncio del Papa. Naturalmente in quel concistoro il nuovo Cardinale riceve dal Papa l’ufficio di Cardinale diacono o presbitero, non di Cardinale Vescovo come ho detto prima. Il Papa consegna le insegne, l’anello, lo zucchetto etc. Cosi si diventa Cardinali.


S.E.R. Il Signor Cardinale Emile Biayenda- Assasinato il  23 marzo 1977

Perche il rosso ?


Il rosso è un simbolo. Il fatto che il Cardinale si vesta di rosso significa che deve essere disposto a sacrificare la vita, a essere martire, per difendere la Chiesa e il Papa. Il significato del rosso é questo. Indica la disponibilità dei Cardinali a essere martiri per amore della Chiesa e di Dio. Questo è il perché del rosso.



L'abito corale - si vedono anche la mitra, la fascia rossa e lo zucchetto rosso

Che abiti indossa un porporato ?


Un Porporato indossa l’abito corale, la tonaca rossa, una fascia rossa con il rocchetto bianco, la mantellina rossa, la mozzetta con lo zucchetto rosso. Questo è il vestito di un Cardinale. l’abito corale nel linguaggio tecnico. Questo è il simbolo del rosso. Poi nella vita privata un Cardinale veste la tonaca filettata come per esempio questa, o come un sacerdote con la croce. 



 S.E.R. Il Sig. Card. John McCloskey - Il primo cardinale creato dalle americhe


Chi ha cominciato a internazionalizzare il Sacro Collegio cardinalizio?


Questa è una domanda molto importante. L'internazionalizzazione del Collegio Cardinalizio è cominciata con l’espansione dell’evangelizzazione in molti Paesi di tutti i continenti. C’è stata un'espansione del Vangelo, un allargamento della Chiesa e quindi si è rivelato necessario esprimere questa nuova realtà ecclesiale, missionaria anche a livello di Collegio Cardinalizio. Pio IX è stato il primo Papa a nominare dei Cardinali non europei provenienti dalle Americhe. Pio XII nei due concistori durante il suo pontificato, che è stato assai lungo, ha nominato cardinali quattordici Vescovi italiani e quarantadue stranieri da tutto il mondo. Questo è importantissimo. La linea di Pio XII è stata seguita, come sappiamo, da tutti, da Giovanni XXIII, da Paolo VI, da Giovanni Paolo II e da Benedetto XVI.  L’origine dell'internazionalizzazione del Sacro Collegio Cardinalizio resta sempre l’espansione del Vangelo in  tutti i continenti.




 S.E.R. Il Sig. Card. Jose' Saraiva Martins, C.M.F. - Era Prefetto della Congregazione delle Cause dei Santi per piu di dieci anni.


Che ruolo ha un cardinale prefetto nella Curia Romana?


Occorre premettere che nella Curia Romana ci sono due tipi di incarichi, ci sono le Congregazioni e i Consigli Pontifici, che costituiscono due realtà diverse. Le Congregazioni hanno potere esecutivo, mentre i Consigli pontifici non hanno potere esecutivo, rimangono "Consigli", secondo l'etimologia della parola. Ci sono nove Congregazioni e undici Consigli Pontifici. Il ruolo del Prefetto di una Congregazione é il ruolo di un capo che guida la Congregazione e risponde davanti al Papa del lavoro di quella Congregazione. Il Prefetto svolge il compito delicatissimo di guidare il dicastero, con la collaborazione, preziosissima, di un Segretario del dicastero, della congregazione, che è sempre un Arcivescovo, e di un Sottosegretario, il lavoro è davvero collegiale ma il responsabile rimane il Cardinale Prefetto alla guida del dicastero. Un'altra differenza fra Congregazione e Pontificio Consiglio è che a capo di una Congregazione c'è sempre un Cardinale, mentre a capo di un Pontificio Consiglio non è necessariamente un Cardinale. I capi delle Congregazioni si chiamano prefetti, i capi dei Consigli si chiamano Presidenti.  Anche questa è un'altra nota differenza. Il principio è che un Prefetto è sempre un Cardinale, un Presidente non necessariamente è un Cardinale.




S.E.R. Il Sid. Card. Tarcisio Bertone, S.D.B. - Segretario di Stato di Santa Romana Chiesa: Il Primo collaboratore del Sommo Pontefice


Che cosa e' il ruolo del Cardinale Segretario di Stato?


Il ruolo di Cardinale Segretario di Stato è quello di assistere il Papa negli affari quotidiani e nelle relazioni con gli Stati.



Il Decano del Collegio Cardinalizio, S.E.R. Il Sig. Card. Angelo Sodano

Che cosa e' il ruolo del Cardinale Decano?


Il Cardinale Decano è il primo dei Cardinali, é lui che guida il Collegio Cardinalizio, che lo rappresenta, che parla a nome del Collegio Cardinalizio e che quando è eletto un nuovo Papa chiede all’eletto se accetta o no l’incarico. Questo è un ruolo molo importante.

Il termine deriva dal latino medievale 'camarlingus'. Alla morte del Pontefice, il Camerlengo presiede invece il periodo della cosidetta 'Sede Vacante'.


Che cosa e' il ruolo del Cardinale Camerlengo?


Il ruolo del Cardinale Camerlengo è quello di reggere la Santa Sede durante la "Sede Vacante".






S.E.R. Il Sig. Card.  Jorge Arturo Augustin  Medina Estevez - Era il Cardinale Proto-Diacono nel Conclave del 2005

Che cosa e' il ruolo del Cardinale Proto-Diacono?


Il Cardinale Proto-Diacono ha il compito di annunciare "Habemus Papam", cioé di annunciare il nome del nuovo Papa che ha accettato di diventare Papa, agli astanti in Piazza San Pietro, sempre piena in queste occasioni circostanze, e al mondo intero. Il Cardinale Proto-Diacono ha il ruolo di annunciare al mondo che c’é un nuovo Papa e di comunicarne il nome.

Che cosa e' una 'Sede Vacante?'


La "Sede Vacante" indica il tempo che intercorre tra la scomparsa comprovata del Papa e l’accettazione del nuovo eletto di fare il Papa. Parliamo di sede vacante con riguardo a questo spazio di tempo.



I cardinali entrano in conclave

Sua Eminenza avete un'esperienza di un conclave. Con quale spirito  un cardinale di Santa Romana Chiesa entra in un conclave ?


Posso parlare per quanto mi riguarda. Si entra in Conclave con sentimenti di grande serenità e con profondo senso della Chiesa in senso ecclesiale. Nella propria coscienza si pensa unicamente a vedere chi potrebbe essere il Papa per la Chiesa di oggi, con la massima serenita e con il più profondo senso ecclesiale. 



I cardinali 'reclusi'  in conclave

Come avete vissuto la ‘Sede Vacante’ di sei anni fa?

Con serenita totale e amore alla Chiesa.

Che ruolo ha il cardinale nel mondo e nella Chiesa di oggi?


Il ruolo di un Cardinale  nella Chiesa e nel mondo di oggi é il ruolo di sempre. I Cardinali oggi devono essere vicini al Papa nello studio e nelle possibili soluzioni di quei problemi che la societa contemporanea pone alla Chiesa, perche la Chiesa vive  nella società e con la società. Il Cardinale ha il compito di aiutare il Santo Padre a cercare di risolvere i problemi attuali: quindi il ruolo di sempre ma rivisto nella Chiesa del tempo in cui viviamo.

Grazie


Frank Zammit con il Decano del Collegio Cardinalizio S.E.R. Il Sig. Cardinale Angelo Sodano








The History of the Cardinalate and the role of Cardinals in today’s Church


The History of the Cardinalate and the role of Cardinals in today’s Church



H.E. The Lord Cardinal Tarcisio Pietro Evasio Bertone, S.D.B.
Secretary of the Secretariat of State
Chamberlain (Camerlengo) of the Apostolic Chamber
Cardinal Bishop of the Suburbicarian Church of  Frascati

Frank Zammit with H.E. The Lord Cardinal Tarcisio Bertone, S.D.B.

H.E. The Lord Cardinal Tarcisio Pietro Evasio Bertone, S.D.B.
In the Church’s hierarchy the Cardinal is one of the Pope’s main collaborators, forming what has been historically defined as the Pope’s senate. Cardinals’ origins go back to around one thousand years ago, between the year 1050 and the year 1059. Since then, the group of Cardinals, or College of Cardinals was mainly assigned the right of electing the Pope, the successor of Saint Peter, and thereafter they were assigned the task of collaborating with and assisting the Pope in important and delicate matters including the governance not only of the Church of Rome but also of the Universal Church. Today the College of Cardinals is dispersed throughout the world and composed of renowned ecclesiastical and Catholic personalities of various nationalities.” H.E. The Lord Cardinal Tarcisio Pietro Evasio Bertone, S.D.B. 25.01.2012


Interview with:

H.E. The Lord Cardinal Jose' Saraiva Martin, C.M.F.
Prefect Emeritus of the Congregation for the Causes of Saints
Cardinal Bishop of the Suburbicarian Church of Palestrina

Frank Zammit with H.E. The Lord Cardinal Jose' Saraiva Martins, C.M.F.




What is the Cardinalate?


The Cardinalate is the highest ecclesiastical rank in the Roman Catholic Apostolic Church, inferior only to the role of the Pope as successor to Saint Peter in this world. The Cardinal is the closest prelate and counsellor to the Pope in the governance of the Roman Curia and the Universal Church.
The fundamental work of Cardinals and of the College of Cardinals is also to elect Saint Peter’s Successor, the Prince of the Apostles or to be elected to this office. Indeed, Cardinals participating in the Conclaves can even elect those who are over eighty years of age and who are not entitled to attend the election.
The Pope can appoint Cardinals who have not reached the age of 80 years and who are therefore electing members in the College of Cardinals, or prelates who are over eighty years of age and are thus not entitled to vote in the College of Cardinals but can be elevated to an ‘Ad Honorem’ cadinalate in appreciation of the long and impeccable service they would have given to the Catholic Church.


What is the origin of the term ‘Cardinal’?


“The term ‘Cardinal’ is a medieval word that originated from the Latin word ‘cardo’ or ‘cardonis’ which means ‘hinge’, centre, or point of reference. The term was initially used for priests, for those who are permanently assigned and incardinated to an episcopal church, in other words a principal diocese. Later on, the term Cardinal was applied to the clergy, the priests in Rome which was the centre, the fulcrum not only of the diocese but of the Universal Church. Thus the term ‘Cardinal’ comes from the Latin word ‘cardo’, which means ‘hinge’ or ‘centre’. 


St Sylvester I - The Pope who led the Council of Nicea

When was the Cardinalate institutionalised?

The Cardinalate as an institution goes back to the Fourth century A.D. in the time of Pope Saint Sylvester I’s Pontificate, the same Pope who led the Council of Nicaea as well as the Successor of Saint Peter who gave permission to Emperor Constantine to start building the great churches in Rome, including the Basilica of Saint Peter on the ‘Colle Vaticane’. This can easily be found on the ‘Liber Pontificalis’.
This successor of Peter ruled the Universal Church between the years 314 and 335 A.D. Thus at that time that same Pope was already engaging Roman priests in the governance of the Universal Church. This is extremely significant.


How does the College of Cardinals function?


The College of Cardinals as a prelates’ college functions with its own concrete and precise rules, some of which go back hundreds of years. In the last century the Church wanted to adapt the College of Cardinals and its rules to modern times. The Church established certain changes, some of which are extremely important.


The Preaching of Peter near Rome



What is the role of the three orders of the cardinalate? What are the Suburbicarian Churches?

The College of Cardinals is divided into three orders, the Cardinal-bishops, the Cardinal-priests and the Cardinal-deacons. These orders reflect the three ministry ranks, i.e. the sacrament of the order: the diaconate, the presbyterate and the episcopate. Thus they reflect the sacrament of the order which Christ wanted and built. This means that the Cardinal-bishops represent all the bishops of the world, the Cardinal-priests represent all the priests of the world and the Cardinal-deacons represent all the deacons of the world. Therefore their significance is very clear.

There are six Cardinal-bishops who head the subarbicarian Churches of Rome. The Sees of these churches are in Ostia, Albano, Frascati, Palestrina, Porto-Santa Rufina, Sabina Poggio-Mirteto and Velletri Segni. The Dean of the College of Cardinals is responsible for the See and also heads the Subarbicarian Church of Ostia. This Order of Cardinals also includes the patriarchs of the Eastern Catholic Churches.  

These seven subarbicarian Churches are spread around the periphery of Rome as they originated during early Christianity at the time of the evangelisation of Saint Peter. When Saint Peter arrived in Rome he did not go immediately to the Eternal City but preached in the outskirts and created these seven Christian communities.

Thus when the Pope elevates a Cardinal from the order of the priests or of the deacons to the order of the bishops he is entrusted with one of the subarbicarian churches precisely because they are churches of great prestige and were founded by Saint Peter himself.   
 
The Cardinal-priests are mostly responsible for strategically important archdioceses around the world whereas the Cardinal-deacons carry out their deaconate in the Roman Curia.



Ingravescentem aetatem: Motu Proprio issued on November 21, 1971 establishing an age limit for the exercise of major functions by cardinals

Can you tell us the biggest and most important changes in the institution of the Cardinalate since its origin till today?


Concerning the main functions of the College of Cardinals, there were no significant changes throughout its history. The big change occurred during the last century, with the introduction of the principle that Cardinals who reach the age of eighty are not allowed to participate in the conclave. And therefore they can no longer elect the Pope. They are still considered members of the College of Cardinals, and they can even attend and participate in the general congregations prior to the conclave. As you are aware, a week before the conclave the Cardinals meet in general congregations to discuss the problems of the Church in our time. Those who are eighty years old and over still attend these meetings but they are not be allowed to take part in the conclave. Naturally, this was a big change; however, we must not forget that this was a change of ecclesiastical law, not of divine law. If the Pope so desires he can change this rule anytime. This is not a principle that has to remain there forever.

Pope Sixtus V - Born Felice Peretti di Montalto. He fixed the number of cardinals at seventy.



How did the number of members in the College of Cardinals increase during the centuries?


In the middle Ages there were great variations. There was not a fixed number. Towards the end of the sixteenth century, Pope Sixtus V limited the number of Cardinals in the College of Cardinals to seventy...thus seventy Cardinals. So towards the end of the sixteenth century this number was increased. And John Paul II, above all, went significantly beyond this level of seventy members in the College of Cardinals, as we know. Today there are about two hundred Cardinals".

21st February 2001: The Blessed Pope John Paul II greets the newly created Cardinal Jose' Saraiva Martins, C.M.F in St Peter's Square.


Your Eminence can you explain the phases through which the prelate has to pass from the time he is told that he is chosen as a Cardinal until the consistorial rite?


First and foremost there has to be the final announcement that the Pope has decided to elect a number of new Cardinals.  Then there are the episcopal ordinations of the candidates to the cardinalate which the Pope would elect a few weeks later. This is the general principle since there are only a few Cardinals who are not bishops. Thus, after the Pope announces the names of the new Cardinals, there would be the episcopal ordinations. In exceptional cases, for instance, elderly prelates who are already over eighty or ninety years of age, the Pope can grant a derogation so that they are not given an episcopal ordination. In the penultimate consistory there were two prelates who were not anointed in the episcopate.
Then there is the creation of the Cardinal in the consistory, during the first consistory since the Papal announcement. And naturally during this consistory the new Cardinal is given the office by the Pope, which is that of deacon or priest, but not of bishop as I already said previously.  This is fundamental. The Pope gives them the ring, the zucchetto and so on. And hence one becomes a Cardinal.


The Mexican Cardinal H.E. Juan Jesus Ocampo Posadas: One of the three cardinals assasinated in the 20th century.


What is the meaning of the colour red in the Cardinal’s clothing?

“The colour red is a simple colour. Red is a symbol. The Cardinal wears red to show his willingness to die for his Faith and so red symbolises martyrdom in the name of the Church and the Pope. The colour red indicates the Cardinal’s readiness to be a martyr. For the love of the Church.”



A Cardinal's choir dress

What kind of clothing does the purpurate wear?

The purpurate? The choir dress, the red cassock, the red sash, then the white rochet, the red cape or ‘mozzetta’ as well as the red ‘zucchetto’. This is the ordinary clothing of the Cardinal. This is the choir dress in technical terms. Then in private life he can wear the pleated cassock such as the one I’m wearing or else he can wear normal priest garments together with the cross on his chest. This is the Cardinal’s vesture.


H.E. The Lord Cardinal  John McCloskey: The 1st Archbishop of New York that was created cardinal by the Blessed Pope Pius IX


Who started the internationalisation of the College of Cardinals?


“It started with the expansion of evangelisation, the evangelisation of several countries, not just European or Italian but also countries from the other continents. One could notice the diffusion of the gospel,  as well as the expansion of the Church, and it was therefore necessary that these new ecclesiastical and missionary realities be expressed even at the level of the College of Cardinals. So the Blessed Pius IX was the first Pope to create non-European Cardinals from the United States and the American continent.  That was Pius IX. Then, Pius XII in the two consistories which he held during his nineteen years as Pope, elevated fourteen Italian bishops as well as forty-two other bishops from around the world. This is a very important fact.


H.E. The Lord Cardinal Jose' Saraiva Martins, C.M.F.: He served as Prefect of the Congregation for the Causes of Saints for more than ten years


What is the Cardinal Prefect’s role in the Roman Curia?



One has to understand the following first. In the Roman Curia there are two different posts. There are the Congregations and the Pontifical Councils. These are two different realities. While the congregations have executive powers the Pontifical Councils do not. These councils do not have executive powers and remain in the background of their own typology. This is the premise. The role of the Prefect in the congregation is that of being its leader. He is the one who leads the congregation and the one to appear before the Pope in order to explain the work being done in his dicastery. There are nine Congregations and eleven Pontifical Councils. Naturally, the Prefect has the delicate task of guiding the dicastery. Naturally, he is assisted by the invaluable collaboration of the secretary of the same dicastery whose rank is always that of archbishop in a congregation. The Vice-Secretary also provides assistance but the final responsibility always remains with the Cardinal Prefect assisted by his collaborators. While he uses the collegiality he remains responsible for the leadership of the dicastery. There is another difference between a congregation and a pontifical council. The head of a congregation is always a Cardinal, whereas the head of a Pontifical Council is not necessarily a Cardinal. There are various Pontifical Councils whose head is not a Cardinal. While the heads of the Congregations are called Prefects, those of the Councils are called Presidents. This is another difference. But the principle remains that whoever is prefect is always a Cardinal, whereas a president does not have to be a Cardinal.

H.E. The Lord Cardinal  Tarcisio Bertone with the Russian President Dmitry Medvedev


What is the role of the Cardinal Secretary of State?


The role of the Cardinal Secretary of State is simply that of working closely with the Pope and assisting him in the day-to-day duties as well as in the relation between the Holy See and the countries of the world.


His Holiness Pope Benedict XVI with the Dean of the College of Cardinals, H.E. The Lord Cardinal Angelo Sodano


What about the role of the Cardinal Dean?

The role of the Cardinal Dean is the following. He holds the principal post in the list of Cardinals, he is the head of the College of Cardinals and its representative, he speaks on behalf of the College of Cardinals and he is also the Cardinal who in the conclave asks the newly elected pope whether he accepts his election. He is the one who poses this question to the person who has just been elected as pope.

H.E. The Lord Cardinal Eduardo Martinez Somalo was the Camerlengo of the Apostolic Chamber in the 'Sede Vacante' of April 2005

What is the role of the Cardinal ‘Camerlengo’?

The role of the Cardinal ‘Camerlengo’ is to keep under his responsibility the Holy See during the period known as ‘Sede Vacante’.


19th April 2005: The Proto-Deacon announced the election of Pope Benedict XVI

What is the role of the Cardinal Protodeacon?


The Cardinal Protodeacon has the privilege of announcing ‘Habemus Papaem’, that is announcing the name of the newly elected pope and the latter’s acceptance of this Petrine ministry. He announces it to the thousands gathered in Saint Peter’s Square and to the rest of the world. Therefore the Cardinal Protodeacon has the role of announcing to the world the name of the newly elected Pope. He chants the ‘Habemus Papaem’ and reveals the name of the new Pope.

Sede Vacante 2005 - Cardinals' General Congregation


What does the phrase ‘Sede Vacante’ mean?


The ‘Sede Vacante’ is that period between the death of a pope and the time of acceptance of the newly elected pope in the conclave. That period of time is referred to as the ‘Sede Vacante’.

Conclave 2005


Your Eminence has entered a conclave back in 2005. With what spirit, a Cardinal of the Holy Roman Catholic Church needs to enter the conclave?


I can say for what concerned me: I entered the Sistine Chapel on that April day back in 2005 with feelings of great serenity and with a deep sense of the ecclesiality of our Mother Church. Before your conscience one needs to think only who could be the next pope for today’s Church, but one needs to think with maximum  serenity and with the maximum profound sense of the Church. Without problems.


What was your experience of the ‘Sede Vacante’ of six years ago?

I lived throughout that period of time with great serenity and love towards the Church.


What role does the Cardinal have in today’s world and Church?


The Cardinal’s role in the Church and today’s world is the same role as it has always been. Nowadays, Cardinals need to be close to the Pope in the study and in the search for solutions for those problems which contemporary society has imposed in this era in which the Church is living; because the Church lives together with and in society. Therefore the Cardinals have this task: to help His Holiness the Pope, as they have always done, in solving today’s problems. They should therefore embrace their traditional role in the Church, which must also be adapted to current times.

Thanks