Friday, 26 October 2012

L'Elezione del Beato Papa Gregorio X


Il piu lungo conclave nella storia della Chiesa Cattolica

Teobaldo Visconti, eletto Papa Gregorio X


Oggi, la parola "Conclave", che deriva dal  latino (da cum  e clavis, "porta bloccata") indica   il luogo in cui i cardinali sono rinchiusi  per procedere all'elezione del papa.

Sua Santita Papa Honorius III

L'uso del Conclave nella Chiesa Cattolica Romana risale a Papa Onorio III,  eletto a Perugia nel 18 Luglio 1216 dopo che i cardinali erano stati 'rinchiusi' a chiave dal  popolo di Perugia per accelerarne l'elezione.

 Importante è il caso di Viterbo.

Sua Santita Papa Clemente IV

Dopo la morte di Clemente IV nel 29 Novembre 1268, inizió quello che sarà ricordato come il più lungo conclave della storia della Chiesa. Questo evento ebbe luogo nel Palazzo dei Papi di Viterbo ed è considerato dagli studiosi  il primo Conclave. A quel tempo, Viterbo era lontana dalle pressioni e dalla peste che  avevano reso Roma inospitale.

Il Palazzo dei Papi a Viterbo

Gli elettori



Enrico da Susa ( piemontese);
Eudes de Chateauroux (francese);
Giovanni de Toledo (inglese)
Stefan Vancza (ungherese)
Simone Paltanieri (padovano)
Simone de Brion (francese)
Ancherio Pantaleone (francese)
Guillaume de Bray (francese)
Guidone de Castella (castigliano)
Annibaldo Annibaldi (romano)
Ricardo Annibaldi (romano)
Ottaviano Ubaldini (fiorentino);
Giovanni Gaetano Orsini(romano)
Giordano Pironti(campano)
Ottobono Fieschi (genovese)
Uberto Coconati (astigiano);
Giacomo Savelli (romano)
Goffredo da Alatri (laziale);
Matteo Rubeo Orsini (romano).



+ Stefan Vancza che fu il primo cardinale ungherese mori` il 9 luglio 1270

+ Giordano dei Conti Pironti da Terracina mori` nell'ottobre del 1269

+ Rodolphe de Chevrieres che accompagnó il re Luigi IX di Francia nella  crociata in Tunisia  morì l' 11 agosto 1270

All'epoca i Cardinali erano storicamente divisi in due partiti, i pro-francesi, che potevano contare su 7 o 8 Cardinali, e i pro-tedeschi, cui facevano riferimento una decina di Cardinali, due dei quali, peraltro, morirono durante le votazioni.

Oltre a questa divisione storica, i Cardinali elettori erano ulteriormente suddivisi - per ragioni familiari o personali - in almeno quattro fazioni tra loro contrapposte, e questo rendeva sempre più problematico un accordo, considerando oltretutto che era necessaria una maggioranza di due terzi degli elettori.

Il Principe Corradino: L'ultimo erede della dinastia di Hohenstaufen

Occorre anche ricordare come, in quei momenti, tutto il mondo cristiano fosse profondamente scosso dall'uccisione del sedicenne Corradino di Svevia, ultimo erede della dinastia di Hohenstaufen, fatto decapitare a Napoli da Carlo d'Angio` il 29 ottobre 1268 nell'indifferenza o addirittura -secondo molti- con il favore di Papa Clemente IV.

Guido di Montfort

Inoltre, un altro drammatico fatto di sangue si svolse proprio a Viterbo durante il Conclave: Enrico da Cornovaglia, nipote di Enrico III d'Inghilterra, mentre assisteva alla Messa nella chiesa di San Silvestro  durante la lunga sosta viterbese del corteo funebre che riportava in Francia i resti di Luigi IX -morto a Tunisi nel corso dell'ottava crociata- venne barbaramente trucidato -il 13 marzo 1271- dal cugino Guido di Montfort, all'epoca Vicario per la Toscana di Carlo d'Angio`.

Alcuni giorni dopo la morte di Clemente IV, i membri del Sacro Collegio si riunirono a Viterbo per eleggere un nuovo Papa. I Cardinali si ritrovavano ogni giorno nella Cattedrale di Viterbo per  votare, poi tornavano nelle loro residenze. La tradizione obbligava il Collegio dei Cardinali a procedere all' elezione nella Cattedrale della città dove il Pontefice precedente era morto.

Filippo Benizi

Per quasi un anno le votazioni si susseguirono senza alcun risultato positivo, finché i Cardinali non rivolsero la loro attenzione a Filippo Benizi, Priore Generale dell'Ordine dei Serviti,  religioso in odore di santità, successivamente  canonizzato da Clemente X nel 1671.

Il buon frate, però, una volta informato delle intenzioni del Sacro Collegio, ritenendosi indegno, pare sia fuggito in una grotta sul Monte Amiata.  Anche Bonaventura da Bagnoregio, settimo successore di San Francesco d'Assisi come generale dell'Ordine Francescano, pare abbia rifiutato in modo netto la possibile elezione. 

Carlo d'Angio`

La situazione era di totale stallo ed in città erano talora presenti sia Carlo d'Angio` che Filippo III di Francia, quasi a voler tenere sotto controllo il comportamento dei cardinali. A questo punto, secondo la maggioranza degli storici, vi fu l'importante intervento proprio di Bonaventura che era nativo di quella terra.

San Bonaventura da Bagnoregio

Il Conclave inizio` nel novembre 1268. San Bonaventura da Bagnoregio, con una serie di sermoni,  esortó all'elezione del successore di Pietro e, in particolare, sottolineò  la necessità che il nuovo Papa potesse essere scelto al di fuori del Collegio Cardinalizio.

Il Capitano Ranieri Gatti

Il capitano del popolo, Ranieri Gatti, che era anche il custode del Conclave, stanco di aspettare e stanco di mantenere i Cardinali riuniti, a spese della comunità viterbese, pare avesse dapprima razionato i viveri ai Cardinali e successivamente  scoperchiare il tetto del grande salone dove erano riuniti chiusi a chiave. 

Nel frattempo Bonaventura da Bagnoregio  flagellava sempre più duramente il Sacro Collegio con le sue rampogne. Dopo pochi mesi la mutata situazione spinse i Cardinali ad una decisione non infrequente in quegli anni: i Porporati delegarono infatti il 1 settembre 1271 una Commissione, formata da sei di loro, con l'incarico di eleggere il nuovo Papa nel termine di due giorni. 

L'Arcidiacono Teobaldo Visconti

Fu peraltro assolutamente sorprendente il fatto che la Commissione delegata impiegasse solo poche ore, lo stesso 1 settembre 1271, per designare il nuovo Pontefice Romano nella persona di Teobaldo Visconti, un nobile piacentino, molto stimato per la sua bontà d'animo e la sua onestà, che in quei giorni si trovava a San Giovanni d'Accri per la nona cruciata, al seguito di Edoardo I d'Inghilterra.

Il Conclave duró quasi tre anni e si  concluse il 1 ° settembre 1271.

Il Visconti, che non era nemmeno prete avendo soltanto gli ordini minori, fu informato quanto prima dell'elezione e, benché fosse stupefatto, si precipitò a Viterbo, ove giunse il 10 febbraio 1272, vi fu ordinato prete il 13 marzo dello stesso anno, e si recò quindi a Roma dove venne incoronato Papa il 27 marzo 1272 con il nome di Gregorio X.

La tomba di Gregorio X 

Il suo Pontificato durò 5 anni, 4 mesi e 10 giorni. Morì ad Arezzo il 10 gennaio 1276. Dopo la sua morte iniziò una serie consecutiva di Pontificati brevi.

Gregorio X, al secondo Concilio di Lione (1274) promulgò la Costituzione Apostolica 'Ubi periculum', che Bonifacio VIII inserì poin nel codice di diritto canonico. Questa trattato Costituzione  stabilí le regole sull'elezione del Papa.  ed  Secondo Gregorio X il Conclave si dove doveva svolgere nel luogo in cui  il Papa era morto.

Sua Santita Papa Callisto III

Tuttavia, da Callisto III (1455) in poi il Conclave è stato sempre tenuto a Roma, nel Palazzo del Vaticano fino a Pio VII, eletto a Venezia nel 1799.








No comments:

Post a Comment